Bagni pubblici e residenze alla Garbatella
Innocenzo Sabbatini
Via Edgardo Ferrati, Roma, RM, Italia, -1927

E’ uno degli edifici polifunzionali della Garbatella, costruito per ospitare al piano terra e nel seminterrato i bagni pubblici, che sono stati in funzione fino agli anni ’60. Lo spazio delle docce era situato nel deambulatorio in asse con l’ingresso, dove un pavimento disegnato con piastrelle rotonde di vetrocemento illuminava il piano sottostante con le caldaie. Sul tetto del deambulatorio erano collocati i cassoni dell’acqua per le docce. Oggi i locali accolgono un’attività commerciale e il lucernario interno è occultato da un rivestimento. Gli elementi che compongono l’architettura sono tratti prevalentemente dal lessico Roma e vengono adoperati in chiave moderna a dare forza ai fronti urbani, realizzandoli con nuovi tecnologie e materiali. Così il basamento, in corrispondenza dei Bagni Pubblici, trae ispirazione dalla casa di Diana a Ostia Antica e le grandi aperture, poste a coronamento dei prospetti, sono realizzate con archi tripartiti come le finestre termali visibili a Santa Maria degli Angeli, pur essendo realizzate in c.a.

Come in molti edifici di questi anni costruiti alla Garbatella, la struttura è in muratura portante con incorporati pilastrini in c.a. di collegamento con i solai nervati. L’edificio alto cinque piani ha due corpi scala i quali servono ognuno quattro alloggi a piano. Alla sommità si aprono le grandi finestre termali decorate con una trama di cemento che caratterizzano fortemente l’edificio.


VIDEO

DISEGNI / ELABORATI

APPROFONDIMENTI
Bonavita_Fumo_Pagliari_LaGarbatella_Sabbatini-bagni-pubblici
Fonte

ALTRE INFORMAZIONI

progetto: ufficio progettazione ICP


BIBLIOGRAFIA

BONAVITA, Antonell, Piero FUMO, Maria Paola PAGLIARI. Guida all'architettura moderna della Garbatella. Il Moderno attraverso Roma. 6 Roma: Palombi editori, 2010.


SITOGRAFIA