Bibliotheca Hertziana
Juan Navarro Baldeweg
Via Gregoriana, 28, Roma, RM, Italia, 1995-2013

Inserita in un lotto trapezoidale nei pressi di Trinità dei Monti, incastonata tra Palazzo Zuccari e l’ottocentesco Palazzo Stroganoff, la nuova Bibliotheca Hertziana è opera dell’architetto spagnolo Juan Navarro Baldeweg, vincitore di un concorso internazionale a inviti indetto nel 1995, che vide la partecipazione di architetti come Carlo Aymonino, Giorgio Grassi e Rafael Moneo.

La Bibliotheca Hertziana – Istituto Max Planck per la Storia dell’Arte, nasce a seguito della donazione di Henriette Hertz, nota collezionista d’arte tedesca attiva a cavallo tra il XIX ed il XX sec. e sin dall’inizio ha avuto la sua sede nel palazzo Zuccari. Oggi la Bibliotheca è una delle istituzioni di ricerca più rinomate per la storia dell’arte italiana, in particolare romana e dell’Italia centromeridionale, fornita di una delle più complete fototeche esistenti.

Baldeweg mantiene i caratteri formali dei fronti originari, ripristinando l’ingresso scenografico su Via Gregoriana dominato dal “Mascherone”, portale antropomorfo che un tempo consentiva l’accesso al giardino di Palazzo Zuccari, oggi divenuto icona della nuova biblioteca. L’edificio si sviluppa complessivamente su otto livelli, di cui due interrati, per una superficie di oltre 2000 metri quadrati. I resti della villa del condottiero e mecenate romano Lucio Licinio Lucullo, rinvenuti nel corso degli scavi, hanno determinato la realizzazione di una colossale platea di bordo, un piano trave alto 3 metri sorretto da 178 micropali profondi fino a 50 metri, confitti lungo i muri esterni delle facciate, ideato dall’architetto Enrico Da Gai e realizzato con grazie alla perizia degli ingegneri Alfredo Marimpietri, Alberto Parducci, Sergio Olivero e Marco Mezzi. Queste fondazioni, liberando l’area archeologica, ordiscono una costruzione staticamente ardita, che può essere considerata un modello di riferimento per interventi futuri in contesti analoghi. Su questa struttura poggia lo spazio della nuova biblioteca avvolta intorno a un pozzo trapezoidale che perfora tutto l’edificio allargandosi in sommità.

Le pareti inclinate del pozzo sono in vetro strutturale su tre lati. La quarta parete, come un muro di contenimento ciclopico, bianco e opaco, riflette la luce zenitale e cela alle sue spalle l’archivio. I livelli che circondano lo spazio cavo sono organizzati secondo una teoria di terrazze a gradoni, formalmente ispirata al giardino della villa di Lucullo.
I vari piani sono distribuiti in modo tale che gli scaffali occupino l’ala dell’edificio che affaccia sulla rumorosa Via Sistina, mentre le sale di lettura sono rivolte verso la più luminosa Via Gregoriana, aprendosi sul panorama romano.

Con un progetto elegante e discreto, Juan Navarro Baldeweg ha proposto un modo possibile di intervento all’interno della città storica di Roma: la sua macchina barocca è finalmente depurata da ogni tentazione storicistica e riscrive con un linguaggio contemporaneo il rapporto tra le masse murarie e la luce, nella traiettoria della migliore tradizione dell’architettura romana.


VIDEO

DISEGNI / ELABORATI

APPROFONDIMENTI
Bibliotheca Hertziana - Costruire in laterizio
Fonte

BIBLIOGRAFIA

Dal Co, Francesco, Juan José Lahuerta, Angel Gonzalez Garcia. JUAN NAVARRO BALDEWEG. Le opere, gli scritti, la critica. Milano: Electa, 2012, ISBN 978883707462.

Grisi, Tino, Arianna Callocchia. La luce di dentro. In: Progettare. Aprile 2013, n. 2, p. 16-21.

Biagi, Marco Enzo. Riforma e ampliamento della Biblioteca Hertziana. In: Casabella. Febbraio 2012, n. 810, p. 72-74, a. LXXVI.

Biagi, Marco Enzo. La luce protagonista. In: Casabella. Febbraio 2012, n. 810, p. 75-82, a. LXXVI.

Da Gai, Enrico. Costruire sul suolo di Roma; la vicenda decennale di un cantiere fuori dal comune. In: Casabella. Febbraio 2012, n. 810, p. 83-89, a. LXXVI.

Benedetti, Amedeo. Le grandi biblioteche tedesche in Italia. In: Bollettino AIB. Dicembre 2009,, n. 4, p. 545-562, vol. 49.

Benedetti, Amedeo. La Bibliotheca Hertziana. In: Biblioteche Oggi. settembre 2008, n. 7, p. 37-42.

Butenandt, Adolf. La Biblioteca Hertziana. In: Studi romani: rivista bimestrale dell'Istituto di studi romani. Novembre 1963, n. sn, p. 599-602.