Casa tra due pini
Cherubino Gambardella
Via San Gennaro, 12, 04020 Itri LT, Italia, 2010-2012

Una forma singolare nata dall’osservazione di uno scheletro preesistente posto in un sito di particolare fascino. Una casa acropolica tra il golfo di Gaeta e quello di Sperlonga. La residenza doveva avere un carattere solido e perentorio, ma a questa immagine netta doveva anche accompagnarsi un tono accogliente. Allora l’ immagine di un bunker viene contaminata con un craquelé bianco di ceramica smaltata; una sottile striscia arancio che diviene un incavo sottolinea l’ingresso laterale. Due terrazze aggiunte allo scheletro raccontano di una apertura verso il paesaggio. Lo scheletro resta imprigionato all’interno e si lascia leggere sottolineando l’articolazione degli spazi. Un pavimento di resina e travertino costituisce la base di tutto l’ impianto mentre le finiture in legno sono in aframosia.

____

A singular form born from the observation of an existing skeleton placed in a site of particular fascination. A house acropolica between Gaeta’s Gulf and Sperlonga’s one. The residence must have a solid character and peremptory, but this image was also accompanied by a sharp tone friendly. Then the image of a bunker is contaminated with a white crackle glazed ceramic; a thin orange band, which becomes a notch stresses the lateral entry. Two terraces added to the skeleton of an opening to talk about the landscape. The skeleton remains trapped inside and can be understood emphasizing articulation of space. A resin floor and travertine forms the basis of the whole system while the wood finishes are in aframosia.


DISEGNI / ELABORATI

ALTRE INFORMAZIONI

fotografie di Peppe Maisto


BIBLIOGRAFIA

BERRITTO, Alfonso Maria (a cura di). Cherubino Gambardella. Milano: Hachette Fascicoli, 2013.

GAMBARDELLA, Cherubino. Una casa tra due pini. Abitare il mito del Mediterraneo. Siracusa: Lettera Ventidue, 2013.

MOLINARI, Luca. Gambardella. La vita con gli oggetti. Milano: Skira, 2012.