Chiesa di San Policarpo
Giuseppe Nicolosi
Piazza Aruleno Celio Sabino, 50, Roma, RM, Italia, 1964-1967

La chiesa di San Policarpo, situata ai limiti del parco degli Acquedotti, è l’architettura di riferimento del quartiere Appio Claudio, e si pone come chiusura del quartiere stesso.
La costruzione, iniziata nel 1964 e terminata nel 1967 su progetto dell’Arch. Ing. Giuseppe Nicolosi, è caratterizzata da una forma alta e possente, un impianto centrale esagonale nel quale si nota la presenza di due strutture diverse: la prima, quella esterna perimetrale, caratterizzata da una muratura autoportante con blocchi in peperino alternati a ricorsi di mattoni; la seconda, quella interna, in cemento armato per sostenere la copertura.
Quest’ultima è costituita da sei grandi pilastri, posizionati ai vertici dell’esagono interno della chiesa, e da sei alte travi poste lungo i lati di due immaginari triangoli inscritti nell’esagono. L’intersezione di queste travi crea il disegno di una stella a sei punte, o stella di David.
La copertura è formata da sei falde a forma di losanga, segnate da altrettante nervature che piegano verso l’alto, creando una guglia il cui scopo è quello di sostenere l’esile croce posta sulla sua sommità.
Con San Policarpo, Nicolosi riesce a racchiudere la sua idea di forma atemporale che a lungo aveva cercato. Questa forma, attraverso dei meccanismi geometrici, viene ripetuta a scale diverse per determinare una spazialità interna e una volumetria dal forte carattere iconico.


VIDEO

DISEGNI / ELABORATI

MODELLI CAD
DWG San Policarpo
AntonellaPoli

ALTRE INFORMAZIONI

Tra i principali riferimenti che hanno portato alla concezione spaziale di San Policarpo possiamo trovare: San Lorenzo a Torino di Guarino Guarini, la cui cupola si imposta su una concezione geometrica simile ma su pianta ottagonale; Sant’Ivo alla Sapienza di Borromini, con la sua cupola basata su due triangoli ruotati; il gioco di volumi delle coperture del battistero di San Giovanni a Pisa e la Cappella Reale Carolingia di Aquisgrana, con la compenetrazione tra le masse che deriva dalla sua geometria ottagonale.


BIBLIOGRAFIA

Luciani, Roberto. La chiesa di San Policarpo e il parco degli acquedotti. Timia Edizioni, 2015, ISBN 978-88-941117-0-5.

Arcangeli, Luca (a cura di). Giuseppe Nicolosi: Scritti 1931-1976. Latina: Casa dell'architettura, 2013.

Nicolosi, Giuseppe. Rassegna di Architettura e Urbanistica. 1067107/108 Roma: Edizione Kappa, 2002.