Città-Giardino Aniene
Gustavo Giovannoni
Piazza Sempione, 6, 00141 Roma, Italia, 1920-

La città giardino Aniene, oggi parte del quartiere di Montesacro, si trova nella zona Nord-Est di Roma, su un’altura lungo la via Nomentana, in prossimità della confluenza del fiume Aniene con il Tevere.

La collina, situata a 50 metri sopra il livello del mare, è caratterizzata da rocce sedimentarie, soprattutto di tipo alluvionale, dovute ai depositi fluviali.

Nel 1919 viene istituita la “Cooperativa Città Giardino Aniene”, fusione dell’Unione Edilizia Nazionale e dell’Istituto Case Popolari, con il compito di definire il quadro d’intervento per un quartiere destinato alla classe medio borghese dei dipendenti dei Ministeri e delle Ferrovie dello Stato.

Nel 1924, dopo che nel 1923 la gestione del progetto era passata nelle mani dell’Istituto per la Case Popolari, nasce la Città-Giardino Aniene, il cui impianto urbanistico era stato definito da Gustavo Giovannoni, ingegnere, architetto e urbanista romano.

Il progetto è senz’altro influenzato dalle riflessioni di Ebenezer Howard sulle garden cities, ed è strutturato secondo due elementi principali: il primo, un sistema di servizi per i cittadini (inizialmente previsti sull’asse Ponte Tazio – Corso Sempione – Piazza Sempione) come scuola, chiesa, cinema-teatro, ufficio postale, negozi e un “quartiere degli sport” (non realizzato); il secondo, il grande parco pubblico tipico della garden citiesd’oltremanica (oggi inglobato nella Riserva Naturale dell’Aniene). Il tessuto insediativo è caratterizzato da bassa densità e dalla tipologia edilizia dei villini con giardino di pertinenza. Nel rispetto della morfologia del territorio, il disegno a terra dell’impianto stradale è contraddistinto da tracciati prevalentemente curvilinei, irregolari, quasi mai perpendicolari tra loro.

Come nel quartiere della Garbatella, lo stile architettonico prevalente è il “barocchetto”, che consiste nella rielaborazione di elementi dell’architettura minore romana tra il ‘500 ed il ‘700.

Gustavo Giovannoni interviene direttamente nella progettazione del Ponte Tazio e della Chiesa dei Santi Angeli Custodi in Piazza Sempione; la sistemazione della piazza, con i porticati che la cingono fino alla chiesa e l’edificio di ingresso, sono opera di Innocenzo Sabbatini.

Nella sua impostazione originale, la Città-Giardino ha resistito per circa trent’anni. Intorno agli anni ’50, con la grande espansione edilizia e la costruzione del Grande Raccordo Anulare, all’immagine di una piccola città giardino «è sostituita quella, più densa e compatta, di un quartiere prevalentemente costituito di palazzine» (Rossi).


VIDEO

DISEGNI / ELABORATI

BIBLIOGRAFIA

GALASSI, Alessandro, Biancamaria RIZZO. Città Giardino Aniene. Bologna: Edizioni Minerva, 2013.

ROSSI, Piero Ostilio. Roma, Guida all’architettura moderna, 1909-2011. 4 Roma: Editori Laterza, 2012.

BRIGANTI, Anna Paola, Alessandro MAZZA (a cura di). Roma Architetture biografie. 1870-1970. Roma: Prospettive edizioni, 2010.

MARSILIO, Claudio. Montesacro-“Città Giardino Aniene”. Memoria e identità di un quartiere di Roma. Latina: Associazione culturale Novecento, 2003.

FRATICELLI, Vanna. Roma 1914-1929. La città e gli architetti tra la guerra ed il fascismo. Roma: Officina, 1982.

HOWARD, Ebenezer. La città giardino del futuro. Bologna: Calderini, 1972.

GIOVANNONI, Gustavo. Vecchie città ed edilzia nuova. Torino: Città studi, 1933.