MAXXI, Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo
Zaha Hadid
Via Guido Reni, 4/a, Roma, RM, Italia, 1998-2010

Il MAXXI, ovvero Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo, è stato progettato dall’architetto anglo-irachena Zaha Hadid ed è situato nel quartiere Flaminio di Roma. Realizzato tra la fine degli anni ’90 ed il 2010, è una complessa struttura multifunzionale composta da due dipartimenti, MAXXI arte e MAXXI architettura, e da una serie di spazi sapientemente articolati destinati a diverse funzioni: al piano terra la grande hall a tutta altezza, il bookshop, la caffetteria, l’auditorium, i laboratori di ricerca e le gallerie per esposizioni temporanee e collezioni di fotografia e grafica; ai piani successivi ampie sale espositive, connesse da scale sospese nel vuoto e percorsi che si intrecciano tra interno ed esterno.

Esclusi gli spazi al piano terra, le restanti gallerie si caratterizzano per avere una copertura in vetro scandita da binari in acciaio su cui è possibile agganciare i pannelli espositivi da posizionare per le mostre, e da un brise soleil per direzionale la luce naturale in modo tale da non compromettere l’illuminazione delle opere esposte.

La Galleria che si trova all’ultimo piano è termina con una grande lastra vetrata che affaccia sulla piazza del museo con una vista sul quartiere. Da qui infatti è possibile vedere il palazzetto dello sport di Pier Luigi Nervi, l’auditorium di Renzo Piano ed anche le ultime propaggini del parco di Villa Glori. In realtà questo spazio, oggi adibito a galleria espositiva, nel progetto originario doveva fungere da secondo auditorium/sala conferenze: il pavimento in pendenza e la grande parete vetrata suggeriscono la funzione originaria.

Gli ampi spazi esterni ripristinano un collegamento interrotto per quasi un secolo dal precedente impianto militare, consentendo allo stesso tempo di collegare rapidamente via Guido Reni con piazza Mancini.

L’enorme blocco di cemento armato a facciavista che emerge su via Guido Reni, addossandosi all’edificio preesistente della ex-caserma determina un interessante controcanto tra l’antico e il contemporaneo.


VIDEO

DISEGNI / ELABORATI

ALTRE INFORMAZIONI

Superficie costruita: 27000 mq

Il percorso espositivo non è lineare, bensì completamente libero da ogni vincolo per la visita delle sale. La scelta si basa su studi che dimostranocome l'attività mentale del visitatore venga stimolata da tali libertà di auto-organizzazione della visita, a differenza della maggior parte dei percorsi museali che invece essendo lineari tendono a favorire la "passività" dell'osservatore che li attraversa. Questa è anche la ragione per cui le mostre al MAXXI non sono mai organizzate in senso cronologico, bensì tematico.


BIBLIOGRAFIA

Racana, Gianluca, Manon Janssens. MAXXI: Zaha Hadid Architects. Milano: Skira, 2010, ISBN 9780847858002.

Bruschi, Andrea (a cura di). La memoria del progetto: per un archivio dell’architettura moderna di Roma. Roma: Gangemi, 2006, ISBN 9788849211832.

Baldi, Pio (a cura di). Maxxi. Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo. Milano: Electa, 2006, ISBN 978883704458.

Vittorini, Alessandra (a cura di). Dalle armi alle arti: trasformazioni e nuove funzioni urbane nel quartiere Flaminio. Roma: Gangemi, 2004, ISBN 9788849205558.

Guccione, Margherita. Zaha Hadid. Opere e progetti. Torino: Allemandi, 2002, ISBN 9788842209899.

Bilotta, Sofia, Alessio Rosati. MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo. Milano: Mondadori Electa, 2002, ISBN 9788837075828.

Casciani, Stefano. Verso il centro : Zaha Hadid, il Centro Nazionale per le Arti Contemporanee di Roma e la giovane arte italiana. Roma: Castelvecchi arte, 2000, ISBN 9788882102009.

Garofalo, Francesco (a cura di). Arte futura: opere e progetti del centro per le arti contemporanee a Roma. Milano: Electa, 1999, ISBN 9788843569793.