Metropol Parasol
Jürgen Mayer H. + Arup
Espacio Metropol Parasol, Plaza de la Encarnación, Siviglia, Spagna, 2004-2011

L’intento del Metropol Parasol è quello di riqualificare e rifunzionalizzare l’antica Plaza de la Encarnacion di Siviglia, rimasta per alcuni secoli sede del più grande mercato cittadino, prima di venire abbandonata nel 1973 a causa della demolizione del mercato stesso ed a cui la città ha finalmente deciso, attraverso un innovativo progetto urbano, di regalare una seconda vita.

Il progetto, opera dell’architetto tedesco Jürgen Mayer H., si sviluppa su cinque livelli, di cui uno seminterrato, e accoglie diverse funzioni. Al livello seminterrato una piattaforma consente l’affaccio su quei resti archeologici che, nel momento in cui sono stati rinvenuti, hanno momentaneamente arrestato il cantiere; il secondo livello ospita un grande spazio di 2.155 mq adibito a mercato; al terzo livello, rialzato di 5 metri sopra il mercato, è collocata un’altra piazza di 3.000 mq, utilizzata per rappresentazioni e spettacoli; al quarto livello si trova un ristorante in grado di ospitare fino a 300 persone; infine il quinto ed ultimo livello consiste in una terrazza panoramica, accessibile da un percorso pedonale, che offre uno splendido panorama dei vecchi quartieri di Siviglia.

La megastruttura di reticoli in legno che garantisce l’ombreggiamento alla piazza è lunga circa 150 metri, profonda 75 e alta 28, ed è disposta su un griglia ortogonale di 1,50 x 1,50 m. Il progetto strutturale è stato affidato alla società di ingegneria Arup. Per non compromettere le preesistenze archeologiche, il sistema reticolare del nuovo complesso tocca terra solo in sei punti, esito di una serie di tentativi sperimentali effettuati al fine di ottenere il miglior risultato possibile. Nella prima fase di ricerca sono state studiate varie strutture geometriche complesse, per testare la fattibilità della struttura in materiali come l’acciaio, il cemento o la plastica: le soluzioni ottenute, oltre alle difficoltà strutturali, richiedevano un investimento economico troppo elevato. Pertanto si è deciso di sviluppare la struttura in un legno micro-laminato (Kerto), protetto dagli agenti esterni grazie a un rivestimento in poliuretano resistente all’acqua. Per il comportamento del Metropol Parasol sono stati studiati più di 3.000 nodi di connessione all’intersezione degli elementi in legno. È stato sviluppato anche un sistema innovativo basato sull’incollaggio di barre di acciaio: la valutazione termica ha tuttavia sconsigliato tale soluzione in quanto il clima caldo della Spagna meridionale avrebbe messo a dura prova la durata di questo sistema. Le soluzioni definitive di connessione sono state realizzate in Germania per poi essere successivamente rivestite in poliuretano e assemblate in Spagna.

Mayer ha definito il Metropol Parasol una “cattedrale senza pareti” che si trasforma in una passeggiata architettonica sopra i tetti della città andalusa. Il progetto è divenuto da subito la nuova icona di Siviglia; un luogo di identificazione che contribuisce a rendere questa città una delle destinazioni più affascinanti della penisola iberica. Las Setas, i funghi, come sono stati ribattezzati dai sivigliani, possono apparire una barocca celebrazione narcisista della forma, e per questo sono stati oggetto di dure critiche da parte di architetti e di alcuni cittadini. Jose de la Peña, il direttore dei lavori per Arup, sostiene che “costruzioni di questo tipo creano sempre un forte impatto e nelle città danno sempre luogo a discussioni, come in passato è accaduto a Parigi per la Torre Eiffel. Io sono sicuro che attualmente la città di Siviglia è orgogliosa di avere un nuovo simbolo di modernità e tecnologia, l’unico simbolo di questo genere, mai visto prima in nessun luogo del mondo”.


VIDEO

DISEGNI / ELABORATI

ALTRE INFORMAZIONI

Area di progetto: 18,000 m2
Area dell'edificio: 5,000 m2
Area complessiva: 12,670 m2
Numero di piani: 4
Altezza: 28,50 m
Struttura: cemento armato, legno e acciaio
Materiali prevalenti all'esterno: legno e granito
Materiali prevalenti all'interno: cemento armato, granito, acciaio

Premi e riconoscimenti: Permanent Collection of Museum of Modern Art, NY and Staatliche Museen zu Berlin, Preussischer Kulturbesitz, Berlin, Permanent Collection of DAM, Deutsches Architekturmuseum Frankfurt, Germany, Holcim Award, 2005, Winner Europe Bronze for Sustainable Construction, Reddot Award 2012 – Best of the Best


BIBLIOGRAFIA

LEPIK, Anderes , Jurgen Hermann MAYER. J.MAYER H. - METROPOL PARASOL. New York: Distributed Art Pub Inc, 2011, ISBN 9783775728379.