Riqualificazione del Mercado de Santa Caterina
EMBT
Mercado de Santa Caterina, Avinguda de Francesc Cambó, Barcelona, España, 1997-2005

Il mercato di Santa Caterina è il risultato  della riqualificazione del vecchio mercato rionale progettato nel 1848 sui resti del quattrocentesco convento, diventando una delle icone della città e rivitalizzando un intero quartiere di Barcellona.

Pixel tematici

L’ispirazione nasce dal “disegno della sovrapposizione delle fasi storiche succedutesi nel tempo“, come i progettisti stessi, Enric Miralles e Benedetta Tagliabue, hanno raccontato. La nuova copertura si estende lungo il perimetro originario fino a piazza Cambò, luogo di maggiore concentrazione dei flussi pedonali. Essa si sviluppa lungo le tre navate sulle quali si impostano tre volte,ricordando l’antico impianto  della chiesa e del monastero. L’edificio del nuovo mercato conserva tre muri perimetrali di quello precedente, mentre il quarto situato a sud è stato ricostruito totalmente. Il leit motiv del mercato è l’irregolarità delle geometrie di molti elementi architettonici che sono frutto di un’attenta progettazione su misura: dai serramenti alle pavimentazioni, dalle travi reticolari alle capriate così come i pilastri. Ogni elemento strutturale è un pezzo unico,un’opera d’arte.La nuova struttura è indipendente dal punto di vista statico e quindi lo spazio commerciale può essere flessibile in previsione di future variazioni del layout. La copertura  è un sistema composto da travi di ordine superiore in acciaio,di sezione e asse variabile, e travi di ordine inferiore in cemento, che si appoggiano su pilastri di cemento e fasci di tubi d’acciaio. Al di sopra volte irregolari in legno lamellare dal tavolato in legno rivestito in ceramica multicolore: ” è la gigantografia di una foto tratta da un banco di frutta e verdura mediterranea, stampata come un puzzle sulla bellezza di 325.000 piastrelle esagonali di 67 colori”(Miralles-Tagliabue). Il mercato diventa così lo spazio ideale per la vita sociale: confortevoli aree di sosta non mancano tra i botteghini appositamente smussati, nei bar o nel ristorante tematico che è anche dotato di una sala “biblioteca” al piano superiore. In un’apposita area museale, ricavata nella zona sud del mercato visibile da piazza Joan Capri, è offerta la possibilità di contemplare i resti del passato.

 

Funzioni

Il complesso architettonico di EMBT assolve a due aspetti della progettazione sostenibile: ambientale, salvaguardando buona parte del mercato precedente e dei ritrovamenti archeologici, e sociale, rivitalizzando un edificio fatiscente e aggiungendo nuove funzionalità. Il mercato è anche concepito come luogo di passaggio e ciò spiega i numerosi accessi: la scelta progettuale è quella di ridurre la superficie destinata alla funzione di mercato, rispetto a quella occupata in precedenza, per creare una piazza dove accesso e contemplazione risultano agevolati.
Le funzioni sono distribuite su vari livelli : nei piani interrati si trovano un parcheggio di 4800 mq e una centrale di raccolta pneumatica di rifiuti urbani differenziati; nel piano terra si trova un’area museale per la sistemazione dei ritrovamenti archeologici, una zona commerciale di 1600 mq, dei quali il 40% è destinato ai magazzini, il 30% a ristorante, mentre il restante 30% si divide tra disimpegni, un supermercato, un mercatino di oggetti usati e altri spazi per attività di solidarietà destinate agli abitanti del quartiere. Nel piano superiore si trovano gli uffici direzionali e anche uno spazio polifunzionale per eventi culturali. Completa l’intervento a sud ovest del mercato una zona residenziale di 4000 mq è dedicata agli anziani non del tutto autosufficienti che abitavano nel quartiere.


VIDEO

ALTRE INFORMAZIONI

Area Lotto: 3,749m2
Area Copertura: 5,500 m2
Volume totale: 50.000m3

Assemblaggio Copertura: 325.000 piastrelle di ceramica esagonali di 67 colori

Tre archi in acciaio reticolare: 42 metri di luce
La trave maggiore misura circa 70 metri mentre la minore ne misura circa 40; quelle dell’orditura inferiore hanno invece longitudini comprese tra 56 e 90 metri, le cui sezioni sono composte da tre profili metallici (CHS da 219 mm di diametro e 25 di spessore).

Awards:
Spagna 2005 - ASCER Prize
III prize "Azulejos de España" in the category of Architecture.
The Asociación Española de Fabricantes de Azulejos y Pavimentos Cerámicos created this prize, destined to promote the good use of spanish ceramic tiles in architecture and interior design

Spagna 200 - Premi Nacional de Catalunya
Patrimony Category
The Premis Nacionals de Cultura de la Generalitat de Catalunya are given yearly to people or organisations for their relevant advances in different cultural fields.
Miralles Tagliabue EMBT was awarded in 2001 for the renovation of the Santa Caterina Market in the category of Patrimoni

Spagna 2007 - IX Spanish Biennial of Architecture and Urbanism


BIBLIOGRAFIA

Miralles, Eric, Benedetta Tagliabue. EMBT (2000-2009). I Edizione 144 Madrid: El Croquis, 2009, ISBN 978-84-88386-53-3.

Pagliari, Francesco. | EMBT BENEDETTA TAGLIABUE | ST. CATERINA MARKET. In: The Plan. 2010, n. 007, .

Murua, Carmen. Ricostruzione del Mercato di Santa Caterina, Barcellona, Spagna. In: Costruire in Laterizio. 2010, n. 138, .