Superkilen
B.I.G.-Bjarke Ingels Group/ Superflex/ Topotek1
Heimdalsgade 2200, Copenaghen, Danimarca, 2011-2012

Situato a Copenaghen, nel quartiere semi-periferico di Norrebro, il parco urbano lineare Superkilen (Super-cuneo, in danese) è molto più di un intervento di architettura del paesaggio e di riqualificazione di una periferia.
Il progettista Bjarke Ingels, fondatore dello studio danese BIG, è un architetto visionario, che cerca tuttavia nei suoi progetti di trovare quella concretezza necessaria a rendere un edificio (o un comunque un determinato luogo) coerente con i bisogni dell’utente finale e della collettività.
In particolare Superkilen è un esperimento (riuscito) architettonico ma anche artistico e sociale. Il quartiere di Norrebro è una zona difficile, popolata da numerose persone immigrate di diverse nazionalità, ognuna con la propria cultura e i propri usi e religioni. Il progetto intende riqualificare un’area di scarso valore urbanistico e allo stesso tempo vuole essere l’occasione per un momento di dialogo e di confronto tra i vari abitanti della zona.
Il parco si articola in tre parti fondamentali, allungate su una striscia lunga oltre 750 metri. Le prime due sono caratterizzate da due differenti tonalità di colore: quella occidentale in sfumature di rosso (con una pavimentazione in cemento e anti-urto vermiglia) e quella centrale in nero e grigio scuro (anch’essa pavimentata con asfalto e caucciù anti-urto alternata a fasce bianche in pietra a creare un disegno artistico). Si arriva poi in una terza zona “più tradizionale” a verde e prati.
Il parco è una grande installazione a cielo aperto: per favorire l’integrazione i tre progettisti (oltre allo studio BIG che ha curato la parte architettonica, vi sono i Superflex per quella artistica e i tedeschi di Topotek1 per il paesaggio) hanno previsto di inserire qua e là nell’area almeno un oggetto per ognuna delle 57 comunità che vivono a Norrebro. Vi sono quindi, ad esempio: una fontana a forma di stella di David, un’insegna con la mezzaluna araba, delle sedute latinoamericane, tavoli da pic-nic dall’Armenia e così via.
La spina dorsale del progetto è però la pista ciclabile a due corsie che taglia in lungo il parco e che ordina le aree tematiche ai suoi lati. Ovviamente essa vuole essere anche un invito rivolto alla popolazione a usufruire di un mezzo ecologico e sostenibile oltre che salutare: tra le richieste dell’amministrazione comunale vi era anche quella di un’area per lo sport e le attività all’aria aperta oltre che per la sosta e per il gioco dei bambini. Quindi c’è spazio anche per lo skateboard e per delle attrezzature ginniche all’aperto utilizzabili da tutti i cittadini.


VIDEO

DISEGNI / ELABORATI

ALTRE INFORMAZIONI

Estensione: 33.000,00 mq


BIBLIOGRAFIA

Steiner, Barbara. Superkilen- BIG Topotek1 Superflex. I Edizione Arvinius + Orfeus Publishing, 2013, ISBN ISBN-10: 9187543028.

Gangemi, Sara. Paesaggi Condivisi a Copenaghen. In: AR- Bimestrale dell’Ordine degli Architetti di Roma. Roma: 2013, n. n. 107/13, anno XLVIII, .

Metta, Annalisa. Copenaghen-Superkilen. In: Architettura del Paesaggio. Milano: Paysage, 2012, n. Volume 9, . ISSN ISBN: 1125-0259.