Ampliamento del MoMA – The Museum of Modern Art
Yoshio Taniguchi and Associates
New York, 2002-2004

The Museum of Modern Art non ha mai smesso di crescere, evolversi e ripensarsi. In quest’ottica è stato oggetto di consistenti interventi di ampliamento e ristrutturazione, per ben sette volte da quando nel 1939 è stato costruito il primo edificio. La serie degli innumerevoli interventi sull’assetto museale nasce proprio dalla necessità di adattarsi all’incessante evoluzione delle proprie esigenze programmatiche e intellettuali. La nuova sede del MoMA raddoppiata per estensione dall’ultimo progetto di ampliamento, è collocata tra la 54a e la 53a strada dove si affacciano l’ingresso principale, il bookshop e il ristorante. Le due funzioni del museo, espositiva e didattica, sono divise in volumi separati collocati ai lati opposti dell’originario giardino delle sculture (progetto di Philip Johnson del 1953) ripreso ed ingrandito, insieme alla terrazza riadattata a patio per il nuovo ristorante, che diventa il fulcro dell’intero museo. L’atrio diventa il collegamento verticale vetrato,che ricava luce dal giardino delle sculture, per le sei sezioni tematiche in cui il museo è suddiviso, che vogliono rappresentare l’arte del nostro tempo attraverso i principali metodi di rappresentazione: pittura, scultura, cinema, fotografia, architettura e design, stampe e libri illustrati e disegni.


VIDEO

MODELLI CAD
3D
Moritz Productions

APPROFONDIMENTI
Studies about MoMa's project by Harvard Design University
Fonte
The shock of the re-newed modern: MoMa 2004
Fonte
History of MoMa
Fonte
The mutations
Fonte

ALTRE INFORMAZIONI

•L'area occupata dal museo è passata da 35.116 a 58.527 m² e lo spazio espositivo si è incrementato di circa 3700 m²

•La collezione del MoMa comprende più di 150.000 opere, oltre a 22.000 film e 4 milioni di fermi immagine.

•Ide generatrice: Taniguchi ha rivelato di avere optato per una certa essenzialità perché convinto che la fruizione del museo in quanto edificio non debba sovrapporsi all'esposizione delle opere: "Senza opere d'arte, l'architettura del museo dovrebbe apparire incompleta. Se risulta completa, si tratta di un museo molto scadente".

•Materiali: vetro, acciaio, pietra


BIBLIOGRAFIA

Lynes, Russell. Good old Modern;: An intimate portrait of the Museum of Modern Art. New York: Athenaeum, 1973.

Elderfield, John. Studies in Modern Art 7: Imagining the Future of The Museum of Modern Art. New York: Abrams, 1998, ISBN 0870700561.

D. Lowry, Glenn, Terence Riley. The New Museum Of Modern Art. ?, 2004, ISBN 0870701592.

D. Lowry, Glenn. Designing the New Museum of Modern Art. ?, 2004, ISBN 0870701630.

Riley, Terence. Yoshio Taniguchi.Nine Museums. Museum of Modern Art, 2004, ISBN 0870706071.

Lowry, Glenn. MoMA Contemporary Highlights: 250 Works since 1980 from The Museum of Modern Art, New York. 1 ?, 2008, ISBN 0870707132.

. The New York Times. In: Opening a New MoMA. New York: 2004, n. ?, .

Schulze, Franz. Taniguchi’s MOMA: An Architectural Close-Up. In: Art in America. 2005, n. 93, p. 53.

Kimmelman, Michael. Art: MOMA Goes for the Grandiose. In: International Herald Tribune. 2004, n. ?, 20 novembre .

Hughes, Robert. Thoroughly Modern MoMA. In: The Guardian. 2004, n. ?, 28 ottobre .